L’infrastruttura CloudVeneto è un servizio Cloud di tipo IaaS (Infrastructure as a Service) che permette agli utenti di istanziare con pochi semplici comandi risorse di calcolo e di storage, che possono poi essere utilizzate per le proprie specifiche esigenze.

Esempi di come le risorse di CloudVeneto possono essere utilizzate sono:


  • l’esecuzione di applicazioni interattive,
  • il dispiegamento di servizi,
  • la configurazione di cluster per l’esecuzione di istanze multiple di applicazioni di calcolo (anche container) in modalità batch,
  • l’esecuzione di applicazioni di calcolo parallelo che richiedono l’impiego simultaneo di più macchine virtuali.

La Cloud INFN dell'Area Padovana e la Cloud dell'Università di Padova, che si stanno integrando in modo da formare un’unica infrastruttura di calcolo, complessivamente oggi formano un'aggregazione di circa 1750 core logici (organizzati in 44 compute node), 2 GPU e circa 230 TB di storage.



Hardware


Hardware

Le risorse di calcolo di CloudVeneto di proprietà dell'Università di Padova sono principalmente costituite da un sistema server DELL Blade costituito da un Enclosure PowerEdge M1000e con:

  • 9 nodi PowerEdge M620, ciascuno equipaggiato con doppio processore Intel Xeon E5-2670v2 2.50 GHz e 128 GB di RAM
  • 3 nodi PowerEdge M620, ciascuno equipaggiato con doppio processore Intel Xeon E5-2670v2 2.50 GHz e 256 GB di RAM

Lo storage e` implementato da 2 storage series Equallogic.



Esiste inoltre un server equipaggiato con 2 GPU NVIDIA TITAN Xp di proprietà del Dipartimento di Fisica e Astronomia.


Queste risorse hardware sono fisicamente installate nella sala CED condivisa tra la Sezione di Padova dell'INFN e il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell’Università di Padova.




Hardware Hardware

Nella stessa sala CED sono installate le risorse di calcolo di proprietà della Sezione di Padova dell'INFN sono principalmente costituite da un sistema server DELL Blade costituito da due Enclosure PowerEdge M1000e con:

  • 5 nodi PowerEdge M620, ciascuno equipaggiato con doppio processore Intel Xeon E5-2670v2 2.50 GHz e 96 GB di RAM
  • 3 nodi PowerEdge M630, ciascuno equipaggiato con doppio processore Intel Xeon E5-2650v3 2.30 GHz e 96 GB di RAM
  • 1 nodo PowerEdge M630, equipaggiato con doppio processore Intel Xeon E5-2670v3 2.30 GHz e 512 GB di RAM
  • 6 nodi PowerEdge M630, ciascuno equipaggiato con doppio processore Intel Xeon E5-2680 v3 2,50 GHz e 128 GB di RAM
  • 2 nodi PowerEdge M630 di calcolo, ciascuno equipaggiato con doppio processore Intel Xeon E5-2680 v4 2,40 GHz e 256 GB di RAM

Lo storage e` implementato da un cluster ceph, e da un server iSCSI.




Hardware

Le risorse di calcolo di proprietà dei Laboratori Nazionali di Legnaro dell'INFN, e lì installate sono:

  • 6 nodi FUJITSU PRIMERGY RX300 S8, ciascuno equipaggiato con doppio processore Intel Xeon E5-2650v2 2.60 GHz e 96 GB di RAM
  • 7 nodi DELL PowerEdge PowerEdge R430, ciascuno equipaggiato con doppio processore Intel Xeon E5-2640v3 2.60 GHz e 128 GB di RAM




Software


Per l’implementazione dell’infrastruttura CloudVeneto, si sta utilizzando OpenStack, middleware cloud open-source, che ha una grande (e in continua crescita) comunità di utenti e sviluppatori, con forte supporto da parte dell'industria.

I servizi OpenStack che sono stati configurati sono:

  • Keystone (autenticazione, autorizzazione, service discovery)
  • Glance (gestione immagini)
  • Nova (gestione virtual machine)
  • Neutron (networking)
  • Cinder (block storage)
  • Heat (orchestrazione)
  • Horizon (interfaccia web-based)
  • Ceilometer (accounting)
  • EC2 (Interfaccia compatibile Amazon EC2)

Sono stati inoltre integrati altri servizi per fornire specifiche funzionalita`, in particolare:


  • Integrazione con Identity Provider (in particolare il sistema di Single Sign-On dell'Universita` di Padova e l'Infrastruttura di Autenticazione ed Autorizzazione dell'INFN) per l'autenticazione degli utenti
  • Supporto per la registrazione degli utenti e dei progetti
  • Gestione delle informazioni di accounting
  • Supporto per la configurazione di batch cluster elastici per l'esecuzione sia di applicazioni standard che di container docker

I vari servizi necessari alle operazioni della Cloud sono stati installati in High Availability (HA). In particolare:


  • I servizi OpenStack sono stati installati su 2 controller/network node.
  • Il database Mysql necessario alla funzionalità di OpenStack è stato implementato attraverso un cluster Percona XtraDB Multi­Master costituito da 3 istanze.
  • L’accesso in HA ai servizi OpenStack e al database viene gestito attraverso un cluster HAProxy/KeepAlived costituito da 3 istanze.
  • Il file system utilizzato per le Virtual Machine instanziato nella Cloud è stato implementato attraverso un cluster NFS in High Availability.
  • Il sistema di messaging utilizzato per la comunicazione tra i diversi servizi Cloud è stato implementato attraverso un cluster RabbitMQ costituito da 3 istanze.

Software